LIFESTYLE

“Salvati fischiando”: un fischietto per chiedere aiuto

È da chi si occupa da sempre di sicurezza ed emergenze che arriva la proposta di adottare realmente e simbolicamente un fischietto per contrastare la violenze di genere. Dal prossimo 15 di dicembre sarà possibile richiedere il fischietto salvavita lanciato dalla Scuola Etica & Sicurezza in collaborazione con Amor.

 

Paola Guerra, Fondatrice della Scuola Etica & Sicurezza e del suo omonimo Centro Studi ha fortemente voluto questa iniziativa nella convinzione che sia importante agire e prevenire, che sia imprescindibile fare prima ancora di parlare. “Sosteniamo dal 2017 le donne con il nostro progetto A Difendersi Si Impara che portiamo nei contesti sociali e nelle aziende per contrastare un fenomeno che continua a crescere di anno in anno. Il progetto è dedicato prevalentemente alle donne, con l’obiettivo di fare formazione sull’autotutela personale e offrire strumenti teorici e pratici per affrontare in modo consapevole situazioni potenzialmente pericolose o aggressive. Quest’anno abbiamo anche deciso di lanciare il fischietto Amor e di promuoverlo come salva vita, un oggetto da indossare come ciondolo prezioso, in tutti i sensi. Un oggetto che usiamo da sempre nelle simulazioni di emergenza e che potrebbe rivelarsi un alleato importante” commenta Paola Guerra, che in trent’anni di attività ha formato i massimi vertici della sicurezza pubblica e privata italiani, oltre ad aver presidiato i principali scenari di emergenza nazionali: terremoti, alluvioni, crisi aziendali, incidenti e catastrofi.

 

Il fischietto, con il suo suono penetrante e costante, è capace di attirare l’attenzione in modo chiaro e inequivocabile, indipendentemente da lingua e cultura, in netto contrasto con la voce che può non uscire o tremare a causa della paura, rendendo difficoltoso un grido di aiuto nitido.

Scuola Etica & Sicurezza con questa scelta mira a promuovere l’adozione di un tale strumento, semplice ma potente, contribuendo così alla protezione delle donne e alla sensibilizzazione della società sulla necessità di combattere la violenza di genere.

 

A volte anche gli strumenti semplici possono avere una grande efficacia e la mia speranza è che il nostro fischietto diventi un simbolo e un salvavita allo stesso tempo. Il nostro Centro Studi conferma che la violenza sulle donne nel mondo interessa 1 donna su 3, che nel 2021 sono state quasi 12.000 le donne che hanno effettuato un accesso in pronto soccorso in Italia con indicazione di violenza e che i femminicidi sono in costante crescita, oltre 100 donne uccise dall’inizio dell’anno la maggior parte per mano di persone nell’ambito familiare o affettivo. Sogno con forza un mondo in cui le donne possano vivere in sicurezza, rispettate e consapevoli del proprio valore” conclude Paola Guerra.

Il fischietto è un simbolo chiave per chiedere aiuto, in tutte le situazioni di emergenza: in montagna, in mare, durante un evento catastrofico. Un ancoraggio simbolico rispetto all’importanza di chiedere aiuto.

Sono felice di condividere con la Scuola di Formazione di Paola Guerra questo progetto perché vorrei davvero essere accanto ad ogni donna che non può o non riesce a chiedere aiuto” commenta Alessia Mor, fondatrice del brand AMOR. “Il fischietto nasce da una storia di amore, un regalo di una mamma ad una figlia, appena quattordicenne, per farsi sentire se in difficoltà. Da allora non ha mai smesso di indossarlo e sono già passati sei anni. Amor con #Fischiachè è fortemente impegnato a promuovere questa campagna contro la violenza sulle donne nella speranza che anche un fischio possa contribuire alla possibilità reale di salvarsi in situazioni critiche”.

 

Il fischietto gioiello nella versione collana può essere ordinato tramite questo link

 

Il 10% dei ricavi che deriveranno da ‘A Difendersi Si Impara’, formazione che ogni anno viene rivolta alle più importanti aziende nazionali e internazionali, e dalla vendita del fischietto Amor, verrà ogni anno devoluto ai progetti al femminile di Made In Carcere di Luciana delle Donne, un modello di impresa etica basato su principi di rigenerazione e consapevolezza delle persone emarginate.