LIFESTYLENews

Riscaldamento: come ottenere l’ecobonus

Il governo italiano ha varato negli ultimi anni dei decreti che consentono di accedere ad agevolazioni fiscali per coloro che intendono sostituire i propri impianti di riscaldamento, per ottenere un miglioramento nell’efficienza energetica. A questo proposito, la legge di bilancio del 2020 conferma il cosiddetto Ecobonus, ossia una detrazione fiscale del 65% scalabile dall’Irpef. Può essere ottenuto da coloro che sostituiscono i vecchi impianti con delle caldaie a condensazione di classe A, contestualmente all’ inserimento di dispositivi modulanti che producono una termoregolazione evoluta.

Se invece si decide di installare solamente la caldaia, la detrazione scende fino a 50%, rimanendo comunque un ottimo incentivo verso alternative che offrono un miglior rendimento termico, consentendo di diminuire i consumi e le emissioni di anidride carbonica nell’ambiente. Per beneficiare di questo Ecobonus il primo passo da fare è quello di rivolgersi a dei tecnici specializzati per capire quali siano gli impianti compatibili con la propria abitazione, in modo da scegliere la soluzione migliore ed ottenere la giusta detrazione fiscale. Un esempio in tal senso è In Grado, azienda che affianca i propri clienti in tutte le fasi che portano all’acquisto della caldaia, compreso l’adempimento di tutte le procedure burocratiche per ottenere gli incentivi.

Come ottenere l’Ecobonus.

 

Come detto, per ottenere le detrazioni fiscali è necessario l’intervento di tecnici che si occupino sia della sostituzione materiale dell’impianto, che di redigere le relazioni tecniche utili per avere gli incentivi. Consultando ingrado.com, sito web dove trovare offerte personalizzate in termini di acquisto e sostituzione caldaie, è possibile valutare le soluzioni messe a disposizione da un team di esperti in base alle necessità dei clienti.

La piattaforma è studiata per permettere di acquistare direttamente on-line tutti i prodotti e concordare il momento più idoneo per procedere con l’installazione, venendo in contro alle necessità organizzative del cliente. Ingrado mette a disposizione un sistema di configurazione che segue e guida l’utente nella scelta della soluzione più idonea in base alle proprie esigenze. Durante la procedura è sempre possibile contattare il servizio di assistenza che affianca sia a livello tecnico che fiscale il consumatore, in modo da concludere un’installazione senza incertezze.

Con Ingrado è possibile inoltre ottenere direttamente uno sconto in fattura, previsto dal Decreto di Rilancio, che trasferisce alle imprese l’obbligo di recuperare il contributo statale. Questo significa che l’impresa che realizza la sostituzione dell’impianto non percepirà compenso direttamente dal cliente, poiché quest’ultimo usufruisce dell’agevolazione attraverso uno sconto immediato in fattura. Sarà poi cura della società recuperare i costi sotto forma di credito di imposta.

Perché è importante sostituire un impianto.

Spesso si tende a pensare che il proprio sistema di riscaldamento debba rompersi per procedere con una sostituzione. Invece è importante capire in maniera preventiva quando è il momento di cambiare il proprio impianto, sia per evitare inutili spese di riparazioni, che per migliorare l’efficienza energetica del proprio appartamento. Il primo accorgimento da adottare è quello di conoscere il ciclo di vita della caldaia, le cui tecnologie, anche se di ottima qualità, diventano obsolete dopo circa 10 anni. Passato questo periodo di tempo si registra una maggiore propensione ai guasti che vengono prodotti dall’invecchiamento e quindi dall’usura dei componenti interni. Sistemare alcuni parti dell’impianto può risultare veramente impegnativo e una sua sostituzione si rivela la scelta più economica. 

Avere una caldaia che possiede tanti anni di lavoro implica consumi energetici più elevati ed anche in questo caso è consigliabile optare per modelli sia più moderni che più sostenibili. Infine, come è stato detto, esistono degli incentivi statali che consentono di acquistare caldaie di ultima generazione a costi davvero contenuti. Ciò permette al consumatore di migliorare le prestazioni del proprio impianto di riscaldamento e di aiutare l’ambiente, scegliendo prodotti che riducono significativamente le emissioni di co2.