BENESSERE NEWSLIFESTYLE

Pronto soccorso al naturale

Pronto soccorso al naturale – Una vera e propria farmacia fatta di rimedi efficaci ed “ever green”, per sconfiggere i piccoli disturbi stagionali o qualche saltuario inconveniente di salute, è alla portata di tutti. Basta ricorrere a quanto possiamo trovare in erboristeria o in casa, facendo tesoro della tradizione popolare, con un po’ di buon senso e qualche semplice accorgimento.

QUANDO LA PELLE BRUCIA – Pronto soccorso al naturale

Una scottatura è un arrossamento della pelle provocato dall’esposizione a una fonte di calore o di luce ultravioletta (come il sole). Gradualmente la pelle diventa sempre più rossa e dolente, possono comparire vesciche, gonfiore (edema) e persino febbre. Dopo qualche giorno inizia il processo di desquamazione. Ecco alcune soluzioni domestiche e i prodotti “in verde” da utilizzare.

Apri il frigorifero. Per calmare il bruciore si possono applicare fette sottili di mele, patate o cetrioli. Tienile almeno 15 o 20 minuti così eviterai che si formino fastidiose vesciche. Un impacco con foglie di lattuga, sbollentate per 3 o 4 minuti e opportunamente raffreddate, si rivelerà per la tua pelle una preziosa fonte di sali minerali (calcio, magnesio e potassio) e vitamine (A, E, C e del gruppo B). Se poi ti accorgi di non avere un balsamo dopo sole puoi spalmarti di yogurt bianco, ottimo calmante e rinfrescante.

Una “vera” alleata. L’Aloe Vera è nota da sempre per le sue spiccate proprietà antinfiammatorie e lenitive. Siamo abituati a usarla sottoforma di unguenti, gel e creme già pronti all’uso dimenticandoci che possiamo ricorrere direttamente alla pianta che spesso teniamo sui nostri balconi. Basta recidere la foglia a circa 7 o 8 cm dalla punta; dopo aver tagliato a metà la foglia se ne divaricano i lembi facendo scorrere fuori il gel trasparente da applicare sulla parte da curare.

QUELLE FASTIDIOSE PUNTURE – Pronto soccorso al naturale

L’incontro con zanzare e moscerini, api, vespe e calabroni può rivelarsi uno sgradevole inconveniente durante una passeggiata nei boschi o in una serata estiva. La sintomatologia riferita è in genere piuttosto banale: arrossamento, gonfiore, prurito e dolore localizzato che vanno diminuendo in intensità a mano a mano che si esaurisce l’effetto della sostanza irritante.

Petali e foglie. Particolarmente utili in caso di punture provocate da api o vespe, dopo avere estratto con attenzione il pungiglione, si rivelano essere le parti fiorite della calendula da sfruttare per impacchi decongestionanti e al tempo stesso antisettici, in modo da bloccare eventuali infezioni. Lo stesso effetto lo si può ottenere con foglie fresche di menta o di prezzemolo.

Invece del soffritto… I bulbi di Allium Cepa e Allium Sativum, e cioè i comunissimi cipolla e aglio, che ognuno di noi tiene nella propria dispensa, possono trovare un diverso impiego da quello culinario. Strofinandoli sulla puntura rilasceranno una serie di enzimi in grado di ridurre l’infiammazione. In alternativa si può lasciare in posa qualche fetta avvolta in una garza di cotone.

A DENTI STRETTI – Pronto soccorso al naturale

Per odontalgia si intende il tanto banale quanto insopportabile mal di denti, un dolore localizzato all’arcata dentaria ma capace di provocare di riflesso mal di testa e otalgia, oltre a ostacolare la masticazione. Le cause possono essere molteplici ma, in attesa dell’intervento specialistico del nostro dentista, possiamo ricorrere a qualche rimedio d’urgenza.

Un po’ di sollievo. Per calmare un mal di denti improvviso può essere utile tenere in bocca una gemma di Eugenia Caryophyllata, il meglio noto chiodo di garofano, dalla parte del dente dolente, cercando di trattenerne il più a lungo possibile il succo. La sua attività analgesica, supportata da ricerche scientifiche (il principio attivo eugenolo agisce come la benzocaina, un farmaco anestetico), si sprigiona anche dalla sua essenza, facilmente reperibile in erboristeria: bastano una o due gocce da applicare direttamente sul dente con l’aiuto di un cotton fioc.

Acqua in bocca. La propoli è un valido alleato per la nostra salute in quanto può essere considerato una sorta di antibiotico naturale. A questo proposito è utile tenere in casa una boccetta di tintura madre di questa secrezione resinosa prodotta dalle api e impiegarla per preparare un ottimo collutorio casalingo: bastano 10-15 gocce in mezzo bicchiere d’acqua, agitando con un cucchiaino finché il liquido non assume un colore omogeneo bianco-giallastro.

ORECCHIE IN FIAMME – Pronto soccorso al naturale

È un disturbo piuttosto comune che in genere parte da un’infiammazione del canale uditivo esterno. I sintomi (dolore pulsante, irritabilità, febbre, mal di testa) possono essere provocati da un’infezione dell’orecchio, da un colpo di freddo oppure essere il campanello d’allarme di nevralgie o di malattie a carico della cavità orale.

A goccia a goccia. L’olio essenziale di lavanda è probabilmente unico nel suo genere in quanto può essere utilizzato direttamente sulla pelle a colpo sicuro. Tra le sue molteplici indicazioni scopriamo anche quella di antidolorifico otologico. A tale scopo si introduce direttamente nell’orecchio un tampone di cotone imbevuto con alcune gocce del suo olio essenziale.

Un rimedio versatile. L’argilla per l’orecchio è una vera panacea: la puoi impiegare da sola per impacchi tiepidi o miscelandola a dell’olio di oliva in cui in precedenza avrai fatto bollire dei fiori di camomilla. Applicherai il cataplasmo così ottenuto dopo averlo fatto raffreddare a sufficienza.

CHE STRESS! – Pronto soccorso al naturale

È probabilmente il male del nostro secolo, quel malessere che porta a sentirci al limite e in continuo deficit di risorse fisiche ed emotive. In realtà lo stress nasce come una reazione fisiologica del nostro organismo a stimoli esterni e interni, per fronteggiare in modo energico una situazione “d’urgenza”. Ma bisogna avere modo di recuperare la propria vitalità e ritrovare il giusto equilibrio.

Una ricarica di energia. Per cancellare con un “colpo di spugna” tutta la stanchezza accumulata dopo una pesante giornata di lavoro puoi aggiungere all’acqua del bagno una decina di gocce di olio essenziale di limone o arancio amaro in precedenza diluite nel sapone detergente.

Relax a fior di pelle. Il viso è uno specchio implacabile, il primo a riflettere la nostra stanchezza. Puoi aiutarti con una maschera alla camomilla ottenuta nel seguente modo: porta a infusione un cucchiaio di fiori di camomilla in un bicchiere d’acqua per circa 5-10 minuti; aggiungi un cucchiaio di farina d’orzo e amalgama il tutto, ottenendo una pappetta di consistenza omogenea che applicherai su viso e collo per circa 15 minuti. Il relax è assicurato!

TISANE ANTI-STRESS – Pronto soccorso al naturale

Versa dell’acqua calda sulla miscela da te scelta e lascia il tutto a contatto (in infusione), tenendo coperto il contenitore, per 10-15 minuti. Filtra con un colino e degusta il preparato così ottenuto.

Per stimolare
Miscela in parti uguali (15 gr) ginseng ed eleuterococco (sono tonico-adattogeni che migliorano il rendimento fisico e mentale, aiutando il fisico a contrastare al meglio i fattori di stress) a 10 gr di rosa canina (ad azione antiossidante). Puoi aggiungere la menta e la liquirizia per aromatizzare e migliorare la digestione, spesso rallentata in condizioni di affaticamento psico-fisico.

Per calmare
Miscela in parti uguali (15 gr) biancospino (regolarizza i battiti cardiaci), tiglio (calmante e sedativo) e passiflora (combatte gli stati ansiosi). Buon relax!


GALLERY Pronto soccorso al naturale


VIDEO Pronto soccorso al naturale

Guarda il video tutorial di come si può preparare in casa un gel all’aloe.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=z-hbwnnGjv0]