EVENTI

Prometeo incatenato al Teatro Litta

Prometeo incatenato al Teatro Litta – È in programma per giovedì 10 marzo al Teatro Litta di Milano la prima rappresentazione di Prometeo incatenato, The human passion, del tragediografo greco Eschilo.
Pasquale Marrazzo alla regia, ha voluto seguire fedelmente la trama della celebre tragedia, portando per 10 giorni il suo spettacolo sul palco milanese. Il dramma mette in scena Prometeo di fronte a diversi personaggi divini, senza mai presentare un confronto diretto tra Zeus e il titano. Efesto, il Potere e la Forza hanno catturato il titano Prometeo e lo hanno incatenato a una rupe: Zeus così lo punisce perché ha donato il fuoco agli uomini, ribellandosi al suo volere. Questo porterà a una serie di conseguenze inevitabili nel momento in cui l’umano si contrapporrà al divino.

Prometeo è contro Zeus e dunque contro se stesso. Contraddire il proprio Dio significa mettere in atto un conflitto che va a scandagliare la parte oscura di ognuno di noi. Nascere con un pensiero radicato nella mente di un essere superiore, cui si demanda gran parte delle proprie responsabilità esistenziali, è di per sé una tragedia. Se la natura ci viene contro, è più facile pensare che sia un castigo divino piuttosto che riconoscere alla natura l’indifferenza verso gli uomini, che per niente la rispetta. Prometeo sembra non aver paura di Zeus e reificare se stesso al di sopra di un’entità divina che, con la sua supponenza, vuole distruggere il proprio popolo.

Il dramma greco è, come sempre, il dramma dei drammi, estremamente efficace quando indaga sugli universali partendo dal contingente.


LOCANDINA Prometeo incatenato al Teatro Litta

Adattamento e regia Pasquale Marrazzo
Aiuto regia Luca Ligato
Con Riccardo Buffonini, Pietro Pignatelli, Michele Radice, Désirée Giorgetti
Scene Giovanna Angeli – costumi Lucia Lapolla – light design Massimo Foletti
Sound designer Pasquale Marrazzo