CULTURA

PALAZZO SPINOLA

PALAZZO SPINOLA

In collaborazione con Milano da Vedere.

MilanoPlatinum Milano da Vedere

PALAZZO SPINOLA

Già sentito, eppure mai visto: accade abbastanza spesso nella nostra Milano, un po’ per colpa nostra, ma il più delle volte anche a causa della città stessa, che ancora fatica ad aprirsi. Palazzo Spinola è una di quelle residenze che lasciano a bocca aperta. In via San Paolo al numero 10, ci troviamo di fronte a una splendida residenza, che sorge in questo luogo dal 1580 per volere di Leonardo Spinola. Di cinquecentesco in realtà non rimane moltissimo, forse qualche richiamo nei rifacimenti ottocenteschi. Come prevede la tradizione milanese, la facciata non rispecchia i capolavori presenti all’interno: è infatti molto semplice ed elegante, ma sobria. L’interno tuttavia presenta tutt’altro carattere. Qui dominano stucchi, dorature, affreschi e colonne, per un lusso e una ricchezza di primo livello, senza che tuttavia vengano meno eleganza e stile; la decorazione non risulta infatti mai pesante o eccessiva. Il capolavoro più importante porta la firma del Tazzini, che decora la Sala d’Oro, su progetto di Arganini. Da qui passa anche Ferdinando I, che rimane stupito dalle dorature e dagli avori che decorano la volta. Ancora stucchi, questa volta argentati, per la Sala d’Argento, altro capolavoro di Palazzo Spinola, opera di Luigi Tatti. Manca ancora il salone da ballo, e non è certo poco. Qui si svolgevano e mondanità della Milano “in bianco e nero”, nel pieno della sua eleganza. Tra un bicchiere di vino e l’altro, qui avremmo avuto l’occasione di scambiare due chiacchiere con il meglio di Milano, magari incrociando un brindisi con Stendhal, sempre presente ai balli in casa Spinola. E d’estate? Beh, in cortile c’è la torre cinquecentesca del belvedere. A Palazzo Spinola c’è davvero tutto: storia, eccellenze, eleganza e arte.

Palazzo Spinola, Sala d'armi - By Goldmund100 (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons
Palazzo Spinola, Sala d’armi – By Goldmund100 (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons
Mirco Bareggi


In collaborazione con Milano da Vedere

MilanoPlatinum Milano da Vedere