ARTECULTURA

Milano, le installazioni indimenticabili e quelle in programma

Milano, le installazioni indimenticabili e quelle in programma – L’installazione artistica è una forma d’arte largamente diffusa fin dal 1960. Viene utilizzata da artisti di correnti diverse per esprimere concetti e pensieri che da astratti assumono concretezza grazie a tecniche e materiali diversi.

Questo tipo di opera d’arte si armonizza completamente con l’ambiente in cui viene immersa, diventando a volte un tutt’uno.

Come miglior scenario spesso viene utilizzato un luogo pubblico e all’aperto che permette al fruitore di immergersi completamente nell’opera stessa. Proprio grazie a questo concetto Milano è la cornice perfetta per ospitare questi tipi di lavori, che trovano negli eventi milanesi l’atmosfera adatta.

 

Installazione artistica: definizione

Parlando di installazione artistica intendiamo un’opera tridimensionale costituita da vari elementi e oggetti disposti in uno spazio. Vengono utilizzati mezzi espressivi diversi, da quelli tradizionali a quelli più tecnologici.

La video-installazione è il tipo di installazione maggiormente utilizzata negli ultimi anni, grazie alla quale tramite opere video il fruitore viene immerso in un’altra realtà. Lo schermo non è frontale a chi osserva l’opera ma è tutto intorno, a volte anche interattivo.

 

Milano, le installazioni più belle del 2019

Durante il Fuorisalone di Milano sono state numerose le installazioni in tutta la città. In particolare parliamo di “Acqua, la visione di Leonardo”, voluta per celebrare i cinquecento anni dalla morte dell’artista Leonardo da Vinci. L’artista Marco Balich ha scelto come scenario della sua opera la Conca dell’incoronata lungo il Naviglio della Martesana. Si tratta di uno specchio d’acqua su cui viene appoggiato uno schermo che rappresenta lo skyline di una Milano futuristica, che cambia in relazione al momento della giornata. Ma questa è solo l’apparenza, perché sotto l’acqua c’è molto di più: una stanza in cui il fruitore viene completamente avvolto da rumori d’acqua e getti d’acqua reali, che accompagnano un percorso tra le opere di Leonardo.

Foto: initalia.virgilio.it

Parlando di questo argomento non si può che citare l’installazione che ha fatto tanto discutere a Milano: La maestà sofferente di Gaetano Pesce. Ai piedi del maestoso Duomo di Milano, sempre durante il fuorisalone 2019, migliaia di turisti si sono fermati ad osservare una poltrona dalle dimensioni e dalla forma anomala. L’opera rappresenta una figura femminile di 8 metri trafitta da centinaia di frecce, per raffigurare la violenza sulle donne.

 

Le installazioni in programma a Milano

La Triennale di Milano ha annunciato le iniziative in programma per i prossimi mesi e per il 2020. Da Novembre 2019 potremo visitare il nuovo Skatepark al primo piano della Triennale, creato dall’artista coreano Koo Jeong A per la mostra PLAY! La pista da skateboard sarà circondata da installazioni interattive.

Molto attesa anche la mostra dell’artista e teorico Hito Steyler che attraverso installazioni e video-installazioni muoverà una critica sui media, sulla tecnologia e sulle implicazioni sociali e politiche della veicolazione e della circolazione delle immagini. Sarà fruibile dall’autunno 2021 sempre alla Triennale di Milano.

Per rimanere aggiornati sulle prossime installazioni e sui prossimi eventi dedicati all’arte si consiglia di visitare Milano | Notizie.it

Liquidity di Hito Steyler
Foto artnet.com

Le installazioni indimenticabili di Milano

Era il 2017 quando al fuorisalone di Milano l’artista Maarteen Baas presentava la sua opera “May I have your attention please?”. Lo spazio veniva usato come palcoscenico in cui le sedie sono tutte raggruppate al centro e circondate da megafoni puntati nella loro direzione. Da essi uscivano voci di spettatori che si confondono con quelle dei fruitori reali.

Nel 2015 un grande evento ha per sempre cambiato la storia milanese, l’EXPO non ha solo donato tanti posti di lavoro e molti turisti, ma anche una delle installazioni più chiacchierate: L’albero della vita. Ora situato nel parco MIND è un enorme albero di 37 metri, costituito da acciaio e legno. Ma forse attribuirgli il nome di installazione è poco, poiché è allo stesso tempo struttura, installazione, edificio e monumento. Incorniciato da giochi di luce e acqua rimane sicuramente un orgoglio per la città di Milano.

 

L’albero della Vita, Expo 2015