EVIDENZALIFESTYLENewsVIAGGI

Le masserie nel Salento, tra natura e charme: un’idea per rilassarsi

Scegliere la meta per la vostra prossima vacanza è sempre una questione difficile e controversa. Vi sentite combattuti tra mille diverse opportunità, ognuna con le proprie particolarità, vantaggi e svantaggi: quest’anno andiamo in montagna o al mare? E perché non all’estero? Meglio affittare una casa vacanza e farsi coccolare dalle lussuose accortezze di un magnifico hotel con spa e area relax?

I dubbi vi assalgono e quasi desiderereste affidarvi a un’agenzia per non dover pensare niente, ma quest’anno forse riuscirete a non farvi assalire dallo stress organizzativo. Seguitemi in questo percorso attraverso le bellezze della costa salentina e non vi resterà che prenotare e fare i bagagli.

Il Salento, un’esperienza unica

Paesaggi d’incanto, borghi storici, città d’arte, imponenti castelli e case nobiliari…la Puglia è davvero un forziere di inestimabili meraviglie. Con i suoi 800 Km di costa adriatica questa regione riesce davvero a soddisfare le esigenze di qualsiasi tipo di turista.

A partire dalle classiche cittadine come Lecce, Otranto, Gallipoli, etc…fino alle misteriose testimonianze di civiltà rupestri con i loro Dolmen e Menhir, il Salento rappresenta indiscutibilmente un punto di incontro tra la natura selvaggia e meravigliose opere di civilizzazione umana. Ma non solo. Uno dei punti più interessanti e di maggiore attrazione di questa zona pugliese è proprio la sua storia medioevale, la cui maggiore espressione sono indubbiamente le masserie.

Le Masserie, la storia

Le masserie sono delle costruzioni dall’aspetto unico e caratteristico collocate generalmente in aperta campagna. Esse si trovano principalmente nella misteriosa e verdeggiante Valle d’Itria, ma se ne trovano in realtà sparse in aree rurali di tutta la regione, nonché in altri luoghi del sud Italia.

Le masserie rappresentano degli esempi di piccole comunità, dove un tempo vivevano il “massaro”, ossia colui che si occupava della gestione delle terre di pertinenza, contadini e altri lavoratori che si suddividevano i compiti. Le mansioni riguardavano ad esempio la produzione del latte, la gestione del forno o la cura del bestiame. Il corretto svolgimento delle stesse portava alla realizzazione di una struttura autonoma e auto-sufficiente. Certo, molto arretrata e semplice, ma in grado di garantire la sopravvivenza di coloro che ci vivevano.

Le Masserie oggi, tra natura e charme

Dopo i conflitti mondiali le masserie vennero progressivamente abbandonate, tuttavia in tempi recenti furono riscoperte e venne data loro nuova vita. L’affascinante struttura organizzativa formata da: alloggio del padrone, dei contadini, locali adibiti alle varie lavorazioni hanno permesso la trasformazione di queste perle del Salento in case vacanze, agriturismi e B&B unici al mondo, come, solo per fare un esempio, Masseria Chicco Rizzo, situata a Sternatia, poco distante da Lecce.

Qui è infatti possibile riscoprire i colori, i gusti e le tradizioni di una Puglia autentica, immersa nella natura incontaminata e ancora intrisa dalla storia e dalle tipiche tradizioni salentine.

Alcune di queste strutture sono case vacanze autonome, ottime da affittare come luogo di pernottamento per famiglie o gruppi di amici. Immersa nel verde, la masseria vi donerà un’esperienza di puro relax, in cui potrete vivere in armonia con la natura e usare la casa come comodo punto d’appoggio per andare all’avventura verso le attrazioni circostanti.

Se invece preferite vivere un’esperienza più rilassante, facendovi per una volta coccolare dai servizi offerti da una struttura di classe, con ampie suite e un elegante ristorante, potrete invece optare per masserie trasformate in hotel e centri benessere. Qui troverete ogni comfort per dedicarvi alla cura della vostra persona: dall’area fitness, a campi da tennis, da golf, ampie piscine e location da sogno dove gustare gli ottimi piatti tradizionali e bere un buon calice di vino locale.

Cosa gustare in Puglia, i piatti tipici

La Puglia, e in particolare il Salento, vi permetteranno di immergervi in un’esperienza culinaria unica. La regione è ricca di aziende agricole a km 0, che coltivano frutta e verdura locale e di stagione secondo gli antichi metodi agricoli.

Primo tra questi è il carosello, un frutto tipico Pugliese simile al melone utilizzato grazie al suo gusto caratteristico per piatti sia dolci che salati.

Ma ciò che più colpisce i turisti e i visitatori di altre regioni d’Italia è la tradizionalità nella realizzazione di prodotti che è possibile trovare solo in questa regione e non altrove. Tra questi da ricordare abbiamo poi le famose friselle, le orecchiette, i cavatelli e così via…o ancora il pasticciotto leccese, la puccia e il rustico.

Non potrete che innamorarvi di questa incredibile regione italiana. Avvolta da una bellezza selvaggia e da una storia antichissima, la Puglia rientra a pieno titolo nella lista vacanze di quest’anno.