EVENTI

Le acrobazie dei SONICS al Teatro Carcano

Le acrobazie dei SONICS al Teatro Carcano – Per iniziare al meglio il 2017, il Teatro Carcano propone al suo affezionato pubblico uno spettacolo ricco di magia e di meraviglia. Il 4 gennaio (con doppio appuntamento, alle ore 16.00 e alle ore 20.30) il palco del Teatro Carcano ospiterà le strabilianti acrobazie dei SONICS, che tornano al Carcano dopo il grande successo ottenuto nel 2015 con “Duum”.
La compagnia di acrobati e performer porterà in scena il secondo capitolo del suo ultimo progetto artistico, “Locanda Lumière – Atto II: Ciak, si gira!”
Protagonista dello spettacolo è Louis, un Avventore che la notte di Natale bussa a una misera locanda, dove viene accolto da due figure alquanto bizzarre: Auguste e Elodie, i signori Lumière. L’arrivo di Louis è al tempo stesso misterioso e tutt’altro che casuale: al collo porta una chiave speciale, che è in grado di aprire tutte le porte della locanda. Con l’aiuto dei “Quadri”, gli inservienti della Locanda, del maggiordomo Ramirez e della cuoca Delizia, la signora Lumière dà inizio a una serie di rocambolesche acrobazie per sottrarre la chiave e aprire un vecchio baule che il signor Lumière custodisce segretamente.
Lo spettacolo, tra realtà e fantasia, magia e meraviglia, è una particolarissima e originale rivisitazione della nascita del primo cortometraggio della storia, ricco di acrobazie spettacoari, musica e dialoghi comici. Uno spettacolo imperdibile, per rivivere l’atmosfera magica del Natale in uno show che è un prezioso unicum nel panorama acrobatico italiano.

 


LOCANDINA Locanda Lumière – Atto II: Ciak, si gira!

  • ideato e diretto da Alessandro Pietrolini
  • messa in scena Alessandro Pietrolini e Milo Scotton
  • testi Antonio Villella e Alessandro Pietrolini
  • costumi Ileana Prudente, Caterina Barbero, Irene Chiarle
  • con Claudio Bertolino, Artur Cacciolari, Olivia Ferraris, Pier Paolo Congiu, Alessandro Pietrolini, Jessica Pioggia, Ileana Prudente, Federica Vaccaro
  • luci Giovanni Ricciardi
  • head rigger Amos Massingue