EVENTI

La scandalosa e conturbante “Salomè” al Teatro Litta

La scandalosa e conturbante “Salomè” al Teatro Litta – Dal 18 al 28 gennaio al Teatro Litta, in Corso Magenta 24, va in scena, in prima nazionale, la “Salomè” di Oscar Wilde, con l’inserimento di alcuni versi di Giovanni Testori tratti dalla sua opera teatrale “Erodiade”, in una elaborazione drammaturgica a opera del regista Alberto Oliva.
Composta nel 1891 e andata in scena per la prima volta nel 1896, il dramma di Oscar Wilde è incentrato sulla figura di Salomè, la conturbante figlia di Erodiade, che Erode, per compiacere, fece decapitare la decapitazione di Iokanaan (ovvero Giovanni Battista, secondo la tradizione cristiana).
Come riportano le note di regia, “la lingua estrema, carnale di Giovanni Testori dà voce alle apocalittiche profezie di Iokanaan, mescolandosi e intrecciandosi con la limpida ed estetizzante poesia di Oscar Wilde, in un connubio travolgente”.
Il dramma di Wilde porta in scena il gioco dei potenti. All’inizio vi è la proposta da parte di Erode, un sovrano che intende divertirsi e abusare della sua posizione e della sua sconfinata ricchezza: “Salomè, danza per me, in cambio avrai quello che vuoi”.  Al termine invece ecco arrivare, inatteso e perturbante, il responso di Salomè: “Voglio la testa di Giovanni il Battista”. Tra questi due momenti vi è la danza, la vittoria dei sensi e la perdita del controllo di chi si lascia andare al godimento più puro senza badare alle conseguenze del proprio gesto. Erode accontenta Salomè, in pratica firmando un patto con il diavolo, vendendo l’anima non per la conoscenza, ma per la lussuria, per un lungo ma limitato momento di carnalità suprema.

 


LOCANDINA Salomè

  • di Oscar Wilde/Giovanni Testori
  • regia Alberto Oliva
  • con Mino Manni, Francesco Meola, Giovanna Rossi, Valentina Violo
  • voce fuori campo Franco Branciaroli
  • scene Alessandro Chiti
  • costumi Lella Diaz, realizzati da Atelier Brancato
  • luci Luca Lombardi
  • sound design Gabriele Cosmi
  • assistente alla regia Valentina Sichetti
  • produzione Teatro degli Incamminati/I Demoni