PEOPLE

Imparare ad amarsi e a valorizzarsi: Alice Pasti

Imparare ad amarsi e a valorizzarsi: Alice Pasti – Una giovane donna che si piace, sicura di se e testarda, con un unico obiettivo: far crescere l’autostima ad altre donne, cercando di scalfire i preconcetti e i canoni che la moda impone.

Chi è Alice Pasti?
Sono una donna semplicissima che segue una vita tale, anche se vengo presa come esempio da tantissime persone. Ho un carattere abbastanza particolare, ho molti valori, tanti impegni e un lavoro. Ribadisco comunque che la semplicità è ciò che mi caratterizza di più.

Quali sono i tuoi canoni di bellezza?
La bellezza non ha canoni: è un insieme di caratteristiche che rendono la donna bella quindi non ci devono essere delle imposizioni. È proprio qui che si cela il problema: in questo momento in Italia ci sono dei canoni ai quali tutti sottostanno. La bellezza deve essere armonia del corpo, che sia una 38 o una 46, non ci deve essere differenza, l’importanza è l’armoniosità del corpo, ma ancora più importante è la salute.

Da dove proviene la tua forza e tenacia?
Penso che provenga un po’ dal mio carattere: sono sempre stata una persona molto determinata, quello che volevo cercavo di prenderlo o raggiungerlo. Sicuramente è da ricercare anche nella mia famiglia, i valori che mi hanno trasmesso, non mi è mai mancato nulla, ma nemmeno mi è mai stato tutto dovuto. Non sono mai stata una ragazza viziata, quello che ho me lo sono duramente sudato e guadagnato, proprio grazie a come sono io.

Quanta importanza attribuisci ai social?
Il mio percorso è nato tramite Instagram, devo ringraziare i social, sono crescita con loro. All’inizio della mia carriera ho aperto il mio profilo e i miei follower erano persone normalissime che hanno imparato a conoscermi e così siamo cresciuti insieme. Se devo attribuire una percentuale di importanza darei un 90% al valore dei social.

Lasciare un posto fisso per dedicarsi alle altre persone, com’è nata l’idea di #IoMiAmoTour?
Lavoravo come ragioniera in uno studio da commercialista, poi l’amore mi ha portata a Pavia, così ho iniziato a cercare un nuovo lavoro, trovandolo. Nel tempo perso facevo la modella, dopo due anni mi ero creata un nome. La mia vita iniziava a starmi stretta, volevo sentirmi finalmente felice, così ho mollato tutto e sono tornata a Vigevano dalla mia famiglia. È a questo punto che ho puntato tutto su Instagram, il mio obiettivo era riuscire ad emergere e così è stato. Ho iniziato diverse collaborazioni con altri profili social e con numerosi brand e iniziarono ad arrivare anche molte richieste d’aiuto da parte di numerose donne: io mi piacevo e lo mostravo, loro volevano che le aiutassi ad aumentare la propria autostima. Ho iniziato dunque a pensare a #IoMiAmoTour e dopo tre mesi è partito, riscontrando un notevole successo.

I manichini spesso ricoprono taglie poco veritiere e, non al di sopra della 36. È giusto a parer tuo nei confronti di chi ha forme più morbide?
I manichini sono la conseguenza della moda, io non bazzico in questo campo proprio perché non condivido per nulla le loro idee. Non credo che il tempo possa cambiare questa mentalità, ormai gli stilisti hanno questi campioni e le modelle sono magrissime, quindi è normale che le persone non riescano a ritrovarsi guardando una vetrina.

Qual è il punto di forza del tuo corpo?
Non ho un punto di forza, ma tendo a valorizzare tutti i miei punti. Non tendo mai a nascondere nulla, mi piaccio e cerco di mostrarmi. Sono stata molto fortunata con il seno, ma anche le gambe mi piacciono molto, il mio viso, i capelli, le mani. Cerco di indossare qualcosa che metta in risalto i miei punti forti, nascondendone altri. L’unica cosa che vorrei è una vita ancora più stretta, anche se non mi posso assolutamente lamentare.

Cosa tendi invece a coprire?
Forse un po’ la pancetta e i fianchi, anche se tutto dipende sempre da cosa indossi. Ci sono ad esempio delle magliette che mettono in cattiva luce le braccia, facendole sembrare troppo grandi, oppure dei pantaloni che fasciano un pò troppo il lato b.

Che stile di vita hai?
Dipende dal tour, dai viaggi, dagli impegni. Però mi piace tantissimo godermi la casa, amo l’equilibrio, avere del tempo per me. Tra le mie mura torno con i piedi per terra, leggo un libro, coccolo il mio cane. Anche se dovesse aumentare il lavoro, spero di riuscire sempre a ritagliarmi degli spazi solo miei.

 Com’è il tuo regime alimentare?
Sono molto serena e faccio più meno quello che voglio. Non ho una dieta o un’alimentazione corretta perché sono sempre fuori casa e non posso permettermela, ma con la vita stressante che ho, non ingrasso. Mi piacerebbe comunque molto iniziare la palestra, andare da un nutrizionista, è una cosa che consiglio sempre a tutti, perché è importante seguire il consiglio di una persona esperta. Sono molto serena e faccio più meno quello che voglio.

Che progetti hai per il futuro?
Vorrei moltissimo ampliare il tour e avere degli sponsor per renderlo ancora più accessibile alle persone. Sto inoltre aprendo un’agenzia di modelle curvy italiane. Spero anche di riuscire ad andare in tv, farmi conoscere a livello media, per cercare di aiutare un numero sempre più alto di persone. L’Italia ha bisogno di donne normali, senza canoni di bellezza impossibili.


GALLERY Imparare ad amarsi e a valorizzarsi: Alice Pasti