EXPO STORIA

EXPO 1880 MELBOURNE

EXPO 1880 MELBOURNE – Nel 1880 la città australiana di Melbourne ospita l’Esposizione Universale (Melbourne International Exhibition), che si tiene dal 1° ottobre 1880 al 30 aprile 1881, presso il Royal Exhibition Building all’interno dei Carlton Gardens.

Dopo la concessione dell’autogoverno, nel 1851, allo Stato di Victoria (del quale Melbourne era la capitale), si assistette a una costante crescita economica, grazie allo sfruttamento delle riserve auree della regione. Diretta rivale di Sidney, tramite l’Esposizione Universale Melbourne intendeva promuoversi come una sofisticata città industriale.

Il 1 ottobre 1880, un venerdì, Melbourne è invasa da una moltitudine di persone, allineate lungo le vie che avrebbero visto di lì a poco sfilare le bandiere della varie nazioni partecipanti, in totale 29. Al termine dell’Expo di Melbourne, il 30 aprile 1881, i visitatori totali sarebbero stati 1,3 milioni.

Per l’occasione l’architetto Joseph Reed progettò il Royal Exhibition Building, all’interno dei vittoriani Carlton Gardens. L’edificio era composto dalla Great Hall, un vasto ambiente di 12.000 metri quadrati, e da varie sale annesse, a carattere temporaneo. L’edificio, in mattoni, legno, acciaio e ardesia, trae ispirazione da elementi bizantini, romanici e rinascimentali (la cupola, alta 60 metri, è ispirata a quella del Duomo di Firenze). Il Royal Exhibition Building sorge all’interno dei Carlton Gardens, disegnati in uno stile tipico dell’epoca vittoriana, con ampi viali, percorsi per carrozze, sentieri per passeggiate, laghetti, fontane, oltre ad ampi prati e numerosi alberi australiani ed europei. Il Royal Exhibition Building verrà poi ampliato e riutilizzato nel 1888 come sede per la Melbourne Centennial Exhibition. L’edificio e i giardini, ancora ben conservati nel loro aspetto originario, nel 2004 sono stati dichiarati Patrimonio Unesco.

L’Expo del 1880 fu una grande occasione per mostrare l’ottimismo, l’entusiasmo e l’energia degli abitanti di Melbourne, che all’epoca stavano vivendo un periodo di grande prosperità economica. L’orgoglio e la sicurezza della città australiana sono direttamente testimoniati dal grande spazio dedicato alla messa in mostra dei prodotti locali e australiani, e in generale di quanto proveniente dall’Impero Britannico. Le altre nazioni dovettero “accontentarsi” di ritagliarsi spazi più ristretti in quanto rimaneva del complesso espositivo messo a loro disposizione.

Tra i prodotti “british” vi erano i tappeti, le tappezzerie, i prodotti chimici, le carrozze, la pelletteria e le bilance. Gli Stati Uniti mostrarono macchine agricole, filo spinato, tosaerba, cotoni e luci elettriche.

Melbourne e lo Stato di Victoria erano rappresentati da una vasta collezione di locomotive pesanti provenienti dalla Fonderia Phoenix di Ballarat. Un locomotore pesante per treni merci, dalla Victorian Railway Workshop, dimostrava la capacità di produzione industriale della colonia.

Il Royal Exhibition Building ospiterà anche l’edizione del 1888 dell’Esposizione Universale, nota come Melbourne Centennial Exhibition. Ancora oggi, l’edificio, che vanta ancora numerose strutture della costruzione originaria, ospita eventi come il Melbourne International Flower and Garden Show.


EXPO 1880 MELBOURNE – MEMORABILIA

Molti dei manufatti esposti nel 1880 sono ora conservati presso il Museum Victoria di Melbourne; dell’eclettica collezione fanno parte:

  • Modellini di imbarcazioni dagli Straits Settlements (gli Insediamenti dello Stretto, un insieme di territori della Compagnia Britannica delle Indie Orientali nel Sud-Est asiatico).
  • Piastrelle e mattonelle della Minton’s Ltd., realizzate a encausto con decorazioni in smalti, tipiche dell’era vittoriana.
  • Campioni di riso e di sago (un amido estratto dal midollo di diverse specie di palma, alimento base per le popolazioni della Nuova Guinea e dell’arcipelago delle Molucche).

GALLERY – EXPO 1880 MELBOURNE


VIDEO – EXPO 1880 MELBOURNE