CAPRI

Con Tiberio per le vie di Capri

Con Tiberio per le vie di Capri – Appena sbarcati, ancora quasi in banchina, ecco ad accoglierti il mezzo ideale che in pochi minuti ti può portare ovunque vincendo ogni fatica: il taxi. TIBERIO è pensato per ogni località di mare dove siano richiesti un servizio di vettura cortesia o taxi di livello superiore.
Ogni corsa in taxi a Capri è una vera e propria esperienza: i “driver” infatti vanno ben oltre i compiti di un comune tassista, trasformandosi in perfetti ciceroni. TIBERIO è stato pensato per dare un tocco ancora più chic al primo viaggio sull’isola: bianco, con modanature azzurre, tante cromature, finiture in teak e mogano, sa di mare e veste un look un po’ nostalgico.
Dotato di 7 posti, con ampio spazio per il bagaglio e dimensioni contenute, TIBERIO offre tutto ciò in soli 4352 mm, per la precisione 738 mm meno rispetto al modello attualmente più diffuso, le fortunate versioni CAPRI derivate dal modello Fiat MAREA, apparse nel 1998. TIBERIO è omologato a livello europeo in piccola serie, e le sue forme e le sue caratteristiche uniche sono “difese” da più brevetti internazionali; TIBERIO è un’auto “d’amare”, pensata per un luogo in mezzo al mare tra i più belli al mondo: stile nautico e grande eleganza si fondono nelle necessarie caratteristiche funzionali. Alla originale configurazione monovolume si aggiunge un nuovo volume, che allunga lo sbalzo posteriore di 540 mm, a formare una spiaggetta dotata di un tecnico pianale antigraffio con finiture in teak e mogano: questo nuovo vano bagagli è stato dimensionato per accogliere 4 valigie rigide del formato più grande reperibile sul mercato. Per dissimulare le importanti dimensioni della coda, il tetto è allungato mediante uno spoiler (in cui è inserito il necessario terzo stop) che pare essere proprio un flybridge di derivazione nautica, che offre copertura al vano bagagli e consente l’adeguata sensazione di riparo a coloro che occupano la terza fila di sedute. Le lunghe fiancate sono nervate da reminiscenze anni Cinquanta, che formano nicchie in cui è incastonata la nuova fanaleria posteriore a led di forma circolare. Nuove barre “tientibene” in acciaio inox collegano il montante posteriore del tetto alla spiaggetta, amalgamando otticamente tutte le nuove parti. La vista laterale è alleggerita da un inedito kit modanature sottoporta e passaruota, che può essere fornito nel tono di colore preferito. Concorre a snellire il corpo vettura anche la speciale tinta grigia con effetto “acciaio satinato” applicata al tetto e che permette la massima riflessione della luce solare senza alcun effetto di abbagliamento, abbattendo il calore da irraggiamento in vettura nelle lunghe giornate estive piene di sole.
La soluzione per creare una vettura aperta rinuncia a una ingombrante quanto lunga capote che inevitabilmente avrebbe compromesso capacità di carico, comodità dei posti riservati all’utenza e ai diversi livelli di comfort legati alle differenti stagionalità. Il varco nel tetto predisposto per l’originale vetratura apribile è stato ampliato in larghezza ed in lunghezza sino all’ultima fila di sedili, per offrire la massima panoramicità possibile. Questa modifica non altera le notevoli prestazioni di rigidità e torsione della robusta scocca, doti indispensabili per percorrere continuamente tortuosissime salite e discese. Il mantenimento degli originali vetri laterali oltre a permettere la massima affidabilità del sistema a vento e acqua, non produce alcun problema di riparazione ed assistenza del veicolo.
Nel tetto è creato un sistema modulare che offre differenti livelli di chiusura. Grazie alla nuova cornice dotata di spoiler aerodinamico è ora possibile impiegare le seguenti soluzioni: hard top invernale con e senza botola trasparente, soft top coibentato, soft top trasparente, tendalino con struttura scomponibile in acciaio. L’impiego delle differenti coperture avviene tramite fissaggi meccanici o mediante una chiusura lampo di origine nautica. L’allungamento della vettura è ottenuto utilizzando esclusivamente lamiere in acciaio altoresistenziali a differente spessore per il massimo contenimento del peso aggiunto, le nuove parti di carrozzeria sono in materiali compositi.


GALLERY Con Tiberio per le vie di Capri