EVENTI

Art&Science 2016: il suono e il ritmo delle cellule

Art&Science 2016: il suono e il ritmo delle cellule – Il fatto di preferire la musica jazz alla classica, o il rock alll’hip hop, è una questione di cellule. Le cellule del corpo umano, infatti, non solo dialogano attraverso scambi chimici, ma si scambiano informazioni anche a livello sonoro.
L’evento che si terrà questa sera al Teatro Petruzzelli di Bari vuole quindi essere un momento di esplorazione collettiva delle analogie e dei legami fra la scienza e l’arte in ogni sua forma.
Art&Science è una performance live, un’esperienza entusiasmante che fa dialogare, oltre alle cellule, anche professionalità e artisti in campi d’azione diversi: medici, scienziati, critici d’arte, musicisti, ballerini, stilisti senza confini e senza limiti. Questa sera, al Teatro Petruzzelli di Bari (alle ore 20.00), andrà in scena un originale evento, che si rinnova di anno in anno, capace di sorprendere con l’originalità e la creatività di Matteo Gelardi, specialista otorinolaringoiatra presso il Policlinico Universitario di Bari e Presidente Fondatore della Accademia Italiana di Citologia Nasale (AICNA), che vuole divulgare attraverso le diverse forme d’arte la citologia, ritenendo che al naso siano fatte davvero delle scortesie e non gli sia dato il peso e l’importanza che ha: e forse non ha torto se pensiamo che è proprio attraverso il naso che introduciamo l’aria che è alla base della vita di tutti gli esseri umani. “Quest’anno il compito sarà affascinante – afferma Gelardi -, dimostrerò, assieme a un importante scienziato, Carlo Ventura dell’Università di Bologna, che le cellule comunicano tra di loro grazie a vibrazioni sonore. Che le cellule hanno ‘il senso ritmico’ cioè: vanno a ritmo con la musica e la mancanza di ‘ritmo’ è segno di malattia!”.
La serata si concluderà con il concerto del gruppo musicale “Il Complesso di Golgi”, un gruppo composto da medici che studiano le cellule che, accompagnati dall’orchestra di Bepi Speranza e dal corpo di ballo “Coreutica”, eseguiranno brani musicali che mimano i ritmi del corpo, dal ritmo cardiaco al ritmo sonno-veglia, fino al ritmo respiratorio.