EVENTI

Al Teatro alla Scala l’atteso debutto del balletto Le Corsaire

Al Teatro alla Scala l’atteso debutto del balletto Le Corsaire – Da questa sera e fino al 17 maggio, al Teatro alla Scala va in scena l’attesissimo balletto “Le Corsaire”, tratto dal poema “Il Corsaro”(del 1814) di Lord Byron, le cui coreografie originali erano di Marius Petipa (di cui nel 2018 ricorrono i 200 anni dalla nascita) e Konstantin Sergeyev. La coreografia dell’edizione scaligera è opera di Anna-Marie Holmes, autorevole specialista dei grandi balletti ottocenteschi. Il balletto avrà una nuovissima veste, con scene e costumi espressamente realizzati da Luisa Spinatelli per questa che è una vera prima scaligera: sarà infatti la prima produzione di”Le Corsaire” che la Scala avrà nel suo repertorio da quando, nell’Ottocento, proprio su questo palcoscenico venne messo in scena da Giovanni Galzerani il primo balletto basato su”Le Corsaire” di Lord Byron (nel 1826), e nel 1857 da Domenico Ronzani. 
Sul palcoscenico il balletto porterà azione, passione e romanticismo, in una trama che mette in grande evidenza le danze, e con momenti virtuosistici che richiedono tecnica straordinaria. In un’ambientazione esotica, tra pirati e schiavi, tempeste e rapimenti, uccisioni e cospirazioni, una grotta, un pascià e il sogno in un bellissimo giardino, il balletto porta in scena le avventure del pirata Conrad, che deve salvare la sua amata Medora.

 


LOCANDINA Le Corsaire 

  • Corpo di Ballo e Orchestra del Teatro alla Scala
    con la partecipazione degli Allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala
  • nuova produzione Teatro alla Scala
  • musica Adolphe Adam, Cesare Pugni, Léo Delibes, Riccardo Drigo, Peter von Oldenburg
  • coreografia Anna-Marie Holmes, da Marius Petipa e Konstantin Sergeyev
  • musica riorchestrata da Kevin Galiè
  • direttore Patrick Fournillier
  • scene e costumi Luisa Spinatelli
  • luci Marco Filibeck

Cast

  • Medora Nicoletta Manni
  • Gulnare Martina Arduino
  • Conrad Timofej Andrijashenko
  • Lankendem Marco Agostino