EVENTI

Torna alla Scala “Il franco cacciatore” di von Weber

Torna alla Scala “Il franco cacciatore” di von Weber – Dal 10 ottobre al 2 novembre torna al Teatro alla Scala l’opera “Der Freischütz” (“Il franco cacciatore”), capolavoro di Carl Maria von Weber, in un nuovo allestimento firmato da Matthias Hartmann. Sul podio salirà il Maestro Myung-Whun Chung, che torna alla Scala dopo il grande successo riscosso nel 2016 con “Simon Boccanegra”, e in questa Stagione con un memorabile “Don Carlo” nella versione in 5 atti. Nel 2017/2018 oltre a riprendere”Simon Boccanegra” affronterà per la prima volta in forma scenica il “Fidelio di Beethoven”. 
L’opera in tre atti, che è stata rappresentata per la prima volta il 18 giugno 1821 a Berlino, è considerata la prima importante opera del Romanticismo tedesco, soprattutto per la sua identità nazionale e l’aspro temperamento emotivo. La trama dell’opera è tratta da leggende popolari tedesche e molte delle sue arie furono ispirate dalla musica popolare tedesca.
Il capolavoro romantico di Carl Maria von Weber, su libretto di Friedrich Kind, torna alla Scala dopo 19 anni con la direzione di Myung-Whun Chung, la regia di Matthias Hartmann, le scene di Raimund Voigt e costumi firmati da Susanne Bisovsky e Josef Gerger. Il cast comprende Julia Kleiter (Agathe), Eva Liebau (Ännchen), Michael König (Max), Günther Groissböck (Kaspar), Michael Kraus (Ottokar), Stephen Milling (Eremita), Frank van Hove (Kuno) e Till von Orlowsky (Kilian).
La storia scaligera dell’opera di von Weber inizia nel 1872 con un primo allestimento diretto da Franco Faccio cui ne segue un secondo nel 1881. Nel 1905/1906 si alternano sul podio Cleofonte Campanini e Leopoldo Mugnone, mentre nel 1927 Gabriele Santini dirige una nuova produzione con la regia di Ernest Lert. Nel 1955 Carlo Maria Giulini è alla testa di una produzione di particolare pregio, con regia di Josef Gielen, scene di Nicola Benois e un cast in cui spiccano Mirto Picchi, Nicola Rossi Lemeni e, nella parte di Agathe, Victoria de Los Angeles e Marcella Pobbe. L’unica edizione scaligera in tedesco risale al 1998, con la direzione di Donald Runnicles, la regia di Pier’Alli e Nancy Gustafson e Kim Begley protagonisti.