EXPOEXPO STORIA

Expo Buffalo 1901: i raggi X e il presidente McKinley

Expo Buffalo 1901: i raggi X e il presidente McKinley – Le esposizioni internazionali, in ogni loro forma e declinazione, sono state un vero e proprio palcoscenico che ha visto il debutto di “stelle” della tecnologia e della scienza.
Non è stata da meno l’esposizione che nel 1901 si è tenuta a Buffalo, popolosa città della contea di Erie, nello Stato di New York. Qui, a partire dal 1 maggio e fino al 2 novembre, si svolse la Pan-American Exposition, una fiera mondiale dedicata al benessere commerciale. Nei numerosi padiglioni erano inoltre esposti gli ultimi progressi in campo tecnologico, e la protagonista assoluta era l’elettricità che illuminava o dava energia alla fiera stessa, generata da una centrale idroelettrica nei pressi delle cascate del Niagara, a circa 40 km dalla città.
La Pan-American Exposition vide il debutto della macchina a raggi X, da pochissimo messa a punto.

I raggi X (ovvero la porzione di spettro elettromagnetico con lunghezza d’onda compresa tra 10 nanometri e 1/1000 di nanometro) erano stati scoperti dal fisico tedesco Wilhelm Conrad Röntgen l’8 novembre 1895 (l’annuncio fu dato il 5 gennaio 1896). Per la sua scoperta, Röntgen avrebbe ricevuto, nel 1901, il Premio Nobel per la fisica, donando il premio in denaro alla sua università. Röntgen, inoltre, si rifiutò di brevettare questa scoperta per motivi morali, e non volle neppure che alla scoperta fosse legato il suo nome (anche se poi i raggi X sarebbero divenuti noti anche come raggi Röntgen).
L’uso dei raggi X per scopi medici, tuttavia, ebbe inizio con il medico britannico John Hall-Edwards, che l’11 gennaio 1896 utilizzò per la prima volta i raggi X per fare una radiografia della mano di un paziente, rivelando così un oggetto estraneo all’interno dell’arto. 
I raggi X, tuttavia, suscitavano ancora le perplessità di alcuni, e fu probabilmente per questo che non furono utilizzati in seguito a quello che è l’evento per il quale è divenuta nota l’esposizione di Buffalo.
Il 6 settembre 1901 il presidente William McKinley era in visita alla Pan-American Exposition, e mentre si trovava nel Temple of Music (l’auditorium e sala concerti realizzata in occasione dell’evento) un certo Leon Czolgosz gli sparò per due volte, colpendolo all’addome.
Il presidente fu trasportato all’ospedale che sorgeva presso il complesso espositivo, dove fu operato da una equipe di chirurghi. I medici, tuttavia, furono riluttanti a utilizzare la macchina a raggi X che era esposta presso la fiera per individuare i proiettili, perché temevano possibili e sconosciuti effetti collaterali. Paradossalmente, a differenza del complesso fieristico, dove l’elettricità illuminava padiglioni e ambienti vari, la sala operatoria dell’ospedale non ne era dotata: i medici utilizzarono degli schermi e specchi per catturare e riflettere la luce solare esterna.
McKinley sarebbe morto il 14 settembre in seguito alla cancrena e all’infezione sviluppatesi in seguito alle ferite.